Tania Spiga

Nata a Trieste, laureata magistrale presso la Scuola di Scienze Politiche dell’Università di Bologna in Scienze Internazionali e Diplomatiche.

Tirocinante presso l’Osservatorio da Marzo 2017.

Ho deciso di svolgere un tirocinio formativo presso l’Osservatorio sulla Legalità perché mi sento molto affine alle idee e agli obiettivi che promuove. Trovo che coinvolgere la cittadinaza rendendola partecipe dei progetti riguardanti tematiche così sensibili sia un’attività nobile e al contempo indispensabile per contribuire al risveglio del sentimento di appartenenza al territorio e della sua cura.

“Le donne arbitro sono scarse”

Marco Borraccetti

 

Lorenzo Cattani

Nato a Bologna, laureato presso la Scuola di Scienze Politiche dell’Università di Bologna con magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche.

Tirocinante presso l’Osservatorio da Febbraio 2016.

Ho scelto di svolgere un tirocinio presso l’Osservatorio sulla Legalità perché penso che il rispetto delle norme e delle istituzioni sia una condizione necessaria per gettare le basi della convivenza civile. Da questo punto di vista, credo che analizzare e comprendere le motivazioni che spingono gli individui a non rispettare determinate norme rappresenti un’attività di grande importanza per tutelare e consolidare le stesse fondamenta della convivenza civile.

“La libertà è il diritto di fare tutto quello che le leggi permettono.”

Montesquieu, De l’esprit de lois

 

Rebecca Paraciani

Laufoto profilo sitoreata in Sociologia con una laurea magistrale in Scienze Criminologiche per l’investigazione e la sicurezza.

Tirocinante presso l’Osservatorio da Febbraio 2016.

Iris Murdoch scrisse: egli era un sociologo, era entrato in una confusione intellettuale ancora giovane e non è più stato capace di venirne fuori. Ho deciso di svolgere il Tirocinio formativo all’Osservatorio sulla legalità per concretizzare la mia confusione intellettuale e il mio interesse per la ricerca sociale, strumento prezioso per la comprensione di un contesto e delle dinamiche che si sviluppano al suo interno.

“Non cambierà, non cambierà
no, cambierà, forse cambierà.
Voglio sperare che il mondo torni a quote più normali
che possa contemplare il cielo e i fiori…”

Franco Battiato, Povera Patria

 

Federica Fammilume

Nata ad Ancona, è laureata in Sociologia presso l’Università di Bologna, campus di Forlì

Tirocinante presso l’Osservatorio da ottobre 2015.

Ho scelto di svolgere questo tirocinio curricolare perché credo che le attività di ricerca e monitoraggio della legalità sul territorio forlivese, siano le prime piccole azioni in grado in generare trasformazioni sensibili. Il tema che ho approfondito in questi mesi è quello della violenza sulle donne e, in particolare, la violenza domestica.Questi fenomeni sono così ampi e complessi da risultare molto difficili da studiare. Tuttavia,la loro conoscenza è essenziale sia per lo sviluppo delle politiche e dei servizi necessari per affrontarli sia per la diffusione di una cultura fondata sulla legalità e sul senso civico. Ed è infatti questo il fine ultimo della mia ricerca.

“Ciò che mi spaventa non è la violenza dei cattivi, è l’indifferenza dei buoni.”

Martin Luther King

 

Giulia Moretti

Nata  Busto Arsizio, laureanda alla magistrale in Scienze criminologiche per l’investigazione e la sicurezza presso l’Università di Bologna, Campus di Forlì.

Tirocinante presso l’Osservatorio da Ottobre 2015 a Dicembre 2015.

Ho scelto di svolgere questo tirocinio fiduciosa di poter contribuire alla promozione della legalità sul territorio forlivese. Durante questi mesi mi sto dedicando al fenomeno del gioco d’azzardo tra i giovani; la speranza è quella di dare un contributo per nuove politiche volte a stimolare l’attenzione dei giovani verso altri interessi.

“La mafia non è affatto invincibile; è un fatto umano e come tutti ifatti umani ha un inizio e avrà una fine.”

Giovanni Falcone

 

Margherita Piccolo

Scattate con Lumia Selfie

Nata a Portogruaro, laureata in Scienze Politiche a Trieste e attualmente iscritta alla magistrale di Economia e Commercio di Forlì.

Tirocinante presso l’Osservatorio da Ottobre 2015.

L’Osservatorio della legalità mi è sembrata da subito un’ occasione per poter portare avanti,nel mio piccolo, la convinzione che la gestione ottimale dei beni pubblici, l’idea di legalità e correttezza morale siano la base per il miglioramento della nostra società. Attraverso questo tirocinio ho quindi potuto osservare come concretamente sia possibile togliere un bene legato alla criminalità e sfruttarlo al meglio per l’inserimento lavorativo di particolari categorie, facendone un bene comune.

“Gli uomini passano, le idee restano.
Restano le loro tensioni morali e
continueranno a camminare sulle
gambe di altri uomini”

Giovanni Falcone

 

Sabrina Mungari

Nata a Crotone, laureata magistrale in Criminologia Applicata per l’Investigazione e la Sicurezza presso la Scuola di Scienze Politiche Roberto Ruffilli di Forlì.

Tirocinante presso l’Osservatorio da Marzo 2013

Ho scelto di svolgere un tirocinio formativo presso l’Osservatorio sulla Legalità perché credo nell’importanza della partecipazione sociale. Conoscere e informare sono gli strumenti principali per la creazione di una società improntata sul rispetto delle regole e della convivenza civile.

L’Osservatorio sulla Legalità diventa l’occasione per studiare, attraverso uno sguardo critico, il territorio che ci circonda e ci accoglie, e per capire che ognuno di noi, nel proprio piccolo, può essere promotore di legalità e cittadino attivo.

 Francesca Minardi

Nata a Bologna, laureata magistrale in Scienze internazionali e diplomatiche presso la Scuola di Scienze Politiche dell’Università di Bologna

Tirocinante presso l’Osservatorio da marzo 2013.

Ha scelto di svolgere un tirocinio formativo presso l’Osservatorio, convinta che prendere parte alle attività di monitoraggio e promozione del rispetto della legalità costituisca non solo un’importante esperienza di crescita professionale, ma anche un’occasione preziosa per prendersi cura del territorio, per contribuire al rispetto dei diritti delle persone e per dare impulso a un sostanziale sviluppo economico locale.

“La legalità è l’essenza del governo non tirannico e l’illegalità quella della tirannide.”

Hannah Arendt, Le origini del totalitarismo

 

Sara Bagnoli

foto saraHa 21 anni, studia Economia Sociale presso la Facoltà di Economia di Forlì.

Vive a Sorrivoli di Roncofreddo (FC), è presidente del “Centro per la Pace di Cesena”, un’associazione di promozione sociale che si occupa principalmente dell’educazione alla cittadinanza attiva dei giovani nel territorio cesenate.

Tirocinante presso l’Osservatorio da marzo 2013.

Il mio interesse verso il mondo del sociale sta segnando la mia strada di vita, avendo orientato studio, lavoro e tempo libero in quella direzione. È questa direzione che mi ha portato a scegliere di svolgere il mio tirocinio presso l’Osservatorio sulla Legalità.

“Per me Legalità è aprire il proprio orizzonte, ovvero non agire soltanto per i propri scopi, ma rendersi conto che apparteniamo ad una società plurale, che ha bisogno del rispetto delle regole e del rispetto di chi è diverso da noi per poter funzionare. Legalità è non pensare che la propria felicità si possa ottenere perseguendo il proprio interesse non importandosene degli altri, ma capire che la vera felicità si raggiunge solo quando anche gli altri attorno a te sono felici, perchè la felicità è tale solo se condivisa.”

 

Claudia Cardella

claudia

Nata a Palermo, laureata magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche (Facoltà “R. Ruffilli” Forlì).

Tirocinante presso l’Osservatorio da settembre 2012 a gennaio 2013.

Ho svolto il tirocinio presso l’Osservatorio perché volevo impegnarmi ed affrontare la tematica della legalità in modo diverso, approfondendo le mie conoscenze su quest’ambito in relazione al territorio di Forlì. Da anni, infatti, come attivista di Libera, Associazioni, Nomi e Numeri Contro le Mafie, mi sono occupata di antimafia sociale e dell’organizzazione di progetti di sensibilizzazione e formazione sul tema.

Sono contenta di aver contribuito al progetto dell’Osservatorio perché ritengo che il primo passo per un territorio nella lotta per la legalità passi obbligatoriamente dalla conoscenza dei fatti, dallo studio dei fenomeni, quale base concreta da cui devono partire risposte politiche adeguate.

“Sventurata la terra che ha bisogno di eroi”

Bertolt Brecht, Vita di Galileo

 

 Roberta Paino

SCAN0015Laureata in Sociologia e Scienze Criminologiche per la Sicurezza presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna, attualmente iscritta al secondo anno di Psicologia nella sede di Cesena.

Tirocinante presso l’Osservatorio da settembre 2012 a gennaio 2013.

Sono nata a Ragusa, una provincia Siciliana che per molti anni è stata considerata una perla del mediterraneo: la “ Milano del sud” come la chiamano i Siciliani stessi, o la “ Svizzera siciliana” come la chiamano i grandi uomini d’ affari; una città, insomma, che sembra non aver mai avuto problemi di criminalità organizzata e non. Una città che vive tra i suoi colli e che è protetta dal male, almeno così te la raccontano. Tuttavia ho sempre avuto la buona abitudine di mettere il naso ovunque per capire di più, e da li è nato un forte impegno sociale nella lotta alla criminalità organizzata e nell’educazione alla legalità. Con questo spirito ho deciso di continuare il mio impegno sociale a Forlì, questa volta mettendo “ in campo” anche le conoscenze acquisite durante i miei studi.

Lucia Pierfederici  

Lucia PierfedericiNata a Senigallia, laureata magistrale in Criminologia Applicata per l’Investigazione e la sicurezza presso la Facoltà di Scienze Politiche “Roberto Ruffilli” di Forlì.

Tirocinante presso l’Osservatorio da settembre a dicembre 2012.

Ha scelto di effettuare il tirocinio presso l’Osservatorio sulla Legalità in quanto crede che anche un piccolo contributo in questo ambito possa poi, in un futuro, cercare di migliorare la situazione in cui ci si trova a vivere giorno per giorno. Ha anche accettato questa esperienza professionale per poter toccare effettivamente con mano come operano i vari Osservatori presenti sul territorio nazionale, così da toccare anche con mano quello che è stato solamente visto in maniera teorica.
 “Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola.”   Giovanni Falcone

 

 

 

Devi aver effettuato il login per inserire una risposta.